Vi diamo un altro punto di vista,

quello di un’esperta che, in negozio, ci passa molto del suo tempo …

Dei saldi sapete già molto, il servizio che va in onda su tutti i telegiornali ogni anno vi ripete sempre le stesse cose: occhio al cartellino, diffidate dei prezzi troppo ribassati, anche sulla merce in saldo resta garantito il diritto di reso …

Ma visto che in molti sarete a caccia di abbigliamento e accessori in saldo

Sapete davvero come muovervi? Cosa vale la pena comprare?

Ci ha aiutato in questa ricerca Loredana, fashion blogger e curatrice del sito Grazia Firenze, nonché persona di riferimento del negozio Pennyblack Firenze. Ci siamo rivolte a lei per avere qualche dritta da un’ “addetta ai lavori” e una testimonianza da parte di un gruppo di negozi storici di Firenze. Vediamole allora un po’ di strategie efficaci che vadano anche oltre il momento dei saldi.

Cosa si intende per efficace?

Molto semplicemente che torniate a casa con un capo che vi sta bene, che saprete abbinare a tutto quello che avete già nel vostro armadio ma, prima di tutto, che indosserete davvero!

Quindi, prima di sfoderare il bancomat, Signori e Signore, mettetevi di fronte al vostro guardaroba, aprite cassetti e ante dell’armadio e passate in rassegna quello che già avete nell’armadio, tenendo presente che …

Non esiste il must have in senso assoluto, esiste il vostro,

Come ci ha suggerito Loredana il capo must have esiste, ma è un concetto soggettivo, non oggettivo. Lei stessa lo ha appreso dopo aver fatto un percorso con la consulente di immagine Maria Rosa Neri: https://www.mariarosaneri.it/

Come sostiene Maria Rosa, ognuno di noi, per le proprie caratteristiche, il proprio stile di vita, l’età … Ha il proprio must have.

Se pensate di partire per i saldi con lo scopo di prendere il famoso tubino nero griffato perché da qualche parte avete letto che funziona per ogni occasione, chiedetevi prima se è un capo adatto a voi, se vi sta bene, vi valorizza: magari sì, o magari no … Forse il vostro must have è un altro tipo di capo … Non ne avete idea?

Ecco perché potrebbe essere efficace per voi e per le vostre tasche (per non buttare via denaro inutilmente) trovare un negozio di fiducia che, oltre a vendervi l’oggetto, vi offra anche una consulenza onesta.

Instaurare con un negozio una relazione di fiducia reciproca

Un buon punto vendita abbigliamento, oltre a vendere un capo, offre ai clienti la consulenza dei suoi esperti e consiglia non solo ciò che valorizza la silhouette, ma anche cosa è meglio comprare a inizio stagione e magari aspettare il saldi per completare il look.

Il consulente già conosce  la collezione della stagione successiva ed è in grado di segnalare se sia meglio optare per un colore/modello, piuttosto che un altro.

Con pochi, buoni, pezzi, è in grado di crearvi diversi outfit da utilizzare in diverse occasioni: dal lavoro al tempo libero. Abiti che rispecchino la vostra personalità, che vi sentite bene addosso, che sfrutterete e che, alla fine, vi faranno anche risparmiare.

Un armadio pieno zeppo di “cenci”

Un pezzo da 10 Euro, uno da 20,00, uno da 30,00 che non metterete mai, uno da 5,00 che muore al primo lavaggio, uno da 50,00 che da solo è delizioso, ma che pare non funzionare con niente di quello con cui provate ad abbinarlo … Armadi zeppi di paccottiglia, addosso sempre le solite tre cose, un sacco di soldi comunque spesi.

Strategie di acquisto durante i saldi

E veniamo ai consigli pratici, sempre forniti da Loredana, a proposito delle strategie da mettere in atto quando si parte per una missione saldi

  • Prendete il periodo dei saldi come occasione per rifarvi qualche base. Se trovate le taglie disponibili, approfittate dei prezzi ribassati per ricomprare un bel pantalone nero, un paio di jeans ben tagliati che vi cadono addosso come un guanto, la camicia bianca che magari col tempo giace ingiallita nel vostro armadio. Insomma, prendete i saldi come occasione per rinnovare le vostre basi con capi di qualità.
  •  Avvaletevi del prezzo più basso per tentare un approccio ad uno stile diverso che vi attrae, ma che a inizio stagione non avete osato acquistare a prezzo pieno. Prendete il momento dei saldi come occasione per uscire dalla vostra zona comfort e provare qualcosa di diverso: forse scoprirete che quel capo che mai avreste immaginato di portare, è invece il vostro must have.
  • Tenete presente che quando si parla di brand come Max Mara, Pennyblack, Marella … questo tipo di aziende disegnano e producono la collezione un anno prima, per consegnarla sei mesi prima. Quindi, quello che trovate in negozio durante i saldi invernali, sono i capi della collezione autunno-inverno. I capi autunnali sono arrivati in negozio a fine giugno, erano pronti per essere comprati in quel periodo, per essere poi indossati in autunno. A saldo quindi potete comprare quei capi autunnali che poi sfrutterete a primavera, perchè sono esattamente gli stessi. Il capospalla da mezza stagione, la maglietta a maniche lunghe di tessuto leggero, il giacchino sfoderato, sono capi perfetti da usare per tutte le mezze stagioni. A questo proposito vi consigliamo l’articolo: Tu che di saldo sei? Che vi offrirà diversi spunti per acquisti strategici.
  • Se disponete di un budget limitato, investite la somma per l’acquisto di un capo molto costoso destinato a durare nel tempo: un giaccone invernale, un capospalla buono per tutte le mezze stagioni, una borsa di un certo valore sono tutti oggetti che “rivestono”, durano nel tempo e non hanno bisogno di essere rinnovati per un lungo periodo.
  • Dal punto di vista del commercio, le percentuali di sconto folli comportano un margine di guadagno inesistente per il negozio. Che cosa ne possiamo dedurre? Due cose: o il negoziante si è dato alla beneficenza o sta mettendo in vendita fondi di magazzino. Il che non significa che se vi piace un oggetto non lo dobbiante comprare, questa è una scelta personale, ma siatene consapevoli. Non è raro che dietro una mega svendita ci sia stata un’operazione di guadagno ben studiata per la quale è stata messa via tutta la collezione e sono stati riempiti gli scaffali di rimanenze o, addirittura, vestiti di pronto moda comprati all’ingrosso presso i tanti capannoni cinesi che si trovano nelle zone industriali di Firenze e dintorni.

E per finire, ma non ultimo in ordine di importanza, un pizzico di bon ton

Durante il periodo dei saldi si riduce il prezzo, ma non la buona educazione. C’è un delizioso articolo che vi consiglio di leggere e che ci parla di bon ton durante i saldi, prendendo in considerazione sia l’atteggiamente che deve tenere un addetto alla vendita, sia quello che riguarda noi clienti.

http://www.graziafirenze.it/lifestyle/bon-ton-dei-saldi/

Buona caccia!! (ai saldi)