Scorcio (parziale) dell’incredibile sezione fumetti di Games Academy Firenze

FUMETTI, QUESTI SCONOSCIUTI!!

di Iacopo Braschi

Gulp! Tsk! Gosh! In quanti conosciamo queste classiche onomatopee che ci hanno accompagnato nell’infanzia con le storie che si trovavano su Topolino o Il Giornalino, per non dimenticare Il Corriere dei Piccoli?

Racconti divertenti ed avventurosi che amavamo da bambini e che poi abbiamo abbandonato nel crescere ritenendo il fumetto come un mezzo di comunicazione dedicato all’infanzia.

Magari qualcuno ha resistito di più alla “adultizzazione” e da adolescente ha pure letto Tex, Diabolik, Alan Ford e Mandrake ma poi piú niente,  l’età avanza e bisogna diventare responsabili abbandonando le distrazioni infantili.

Ma é davvero così? Vi snocciolo qualche numero che potrebbe farvi cambiare idea

Intanto l’Italia è il quarto mercato più redditizio al mondo per i fumetti dopo Giappone, USA e Francia con una stima intorno ai 200 miliono di euro nel 2015 e una crescita intorno al 37% annuo, crescita che si può toccare con mano sia nell’aumento di fiere e mostre di settore in tutta Italia sia nel maggiore interesse verso la cosidetta “letteratura disegnata” (definizione di Hugo Pratt, il papà del fascinoso marinaio Corto Maltese) che vede il mercato allargarsi a tutte le età e fasce di popolazione e premia il romanzo grafico Kobane Calling di Zerocalcare porsi come uno dei dieci libri (libri) più venduti in Italia nel 2016.

Se questi numeri e questi nomi vi dicono poco, questo allora é veramente l’articolo per voi.

Le infinite tematiche dei fumetti e la strada che porta al piacere della lettura

I fumetti infatti sono diventati finalmente anche in Italia uno strumento culturale molto importante e rispettabile, capace di coinvolgere e parlare a tutti, dai grandi fino ai piccoli in età pre-scolare con un linguaggio ogni volta adattato all’età del lettore grazie al lavoro straordinario di scrittori e disegnatori ormai sempre più celebrati e premiati come i più importanti romanzieri.

Ecco le pubblicazioni perfette per un target dagli 11 anni

Vi si può trovare pane per ogni palato, anche il più raffinato, partendo dalla pura lettura di evasione come possono essere le avventure di Spider-man, Dottor Strange o Batman a storie sulla crescita e sulla propria identità, sul confronto con il diverso o il lutto, sulla Storia antica o sulla Contemporaneità o ancora sulla vita di grandi e piccoli personaggi del nostro mondo e tanto altro ancora senza limiti o tabù sull’immaginazione o sugli interessi.

Imparare ad avvicinarsi ad altre culture e aprirsi verso una molteplicità di argomenti molti diversi fra loro

Un altro aspetto affascinante delle storie disegnate è poi l’accessibilità ad una produzione internazionale che permette di conoscere e apprezzare in pieno le differenze culturali, linguistiche, immaginifiche e pittoriche di paesi lontani facendoci immergere molto più delle sole parole scritte nella mentalità dell’autore e consentendoci un’immedesimazione più profonda oltre che insegnarci la differenza tra fumetto, manga, comics, bande dessiné e graphic novel, termini all’inizio buttati tutti insieme nello stesso calderone ma che acquisiscono una loro affascinante identità via via che ci si addentra in questo mondo di carta.

Il codice comunicativo dei fumetti come specchio della nostra contemporaneità

E il linguaggio utilizzato, l’immagine rende il fumetto lo strumento più attuale del periodo in cui viviamo, epoca molto incentrata sulle cose visibili, rendendo appetibili classici spesso ostici ai ragazzi (ha grande successo ad esempio la riduzione a fumetti della Divina Commedia o dei Promessi Sposi, corredata ovviamente di schede narrative sulla vicenda reale) e avvicinando tutti ai temi più disparati e spesso difficili come i fatti di cronaca o storici moderni.

La via dell’immagine come strada per una lettura precoce fra i piccolissimi

Sempre l’immagine poi permette ai più piccoli di imparare a leggere e conoscere il mondo che li circonda e la lettura condivisa in famiglia aiuta decisamente a rinsaldare il rapporto genitori figli, creando un substrato comune di storie da sviluppare poi insieme e seguire con passione e permettendo anche ai genitori di conoscere i gusti dei propri bimbi e sapere cosa leggono per poterli guidare meglio nelle loro scelte.

Vi invitiamo poi a lasciarvi andare in chiacchere con il vostro fumettaro di fiducia e lasciarvi guidare dall’esperienza degli insaziabili lettori di fumetti per scoprire la passione che si cela dietro le vignette, passione che porta ad accese discussioni su quale super eroe é più forte o quale storia più bella o artista più bravo, non rimarrete delusi ma anzi vi arricchirete di nuove conoscenze che vi porteranno a saperne sempre di più!

Il consiglio di Firenze Formato Famiglia

Le foto di questo post sono state scattate all’interno di Games Academy Firenze, dopo aver scoperto quanto fornito sia questo negozio di fumetti per ogni fascia d’età, interesse e genere. Se avete in famiglia bambini/ragazzi avviarli al mondo del fumetto presenta molteplici vantaggi: spingiamo i nostri ragazzi a leggere, possiamo far passare contenuti che possono sembrare “pesanti” come i Promessi Sposi di Alessandro Manzoni attraverso un codice di comunicazione più accattivante per i ragazzi e, sopratutto, quando sarà il momento del compleanno o di un’altra ricorrenza da festeggiare, un buono da spendere da Games Academy in fumetti o in altri giochi (di ruolo, di carte …) sarà sicuramente più gradito di un pigiama (fatelo sapere anche alla zia anziana 😉 )

Games Academy Firenze

via  Giovan Filippo Mariti 19r-21r Firenze, tel. 055 353307

http://www.gamesacademy.it/Frontend/Negozio/firenze

Pagina Facebook: Games Academy Firenze