Alla scoperta delle antiche camelie della Lucchesia in famiglia

Una proposta per una gita a due passi da Firenze che incanterà voi e i bambini

Accogliamo sempre volentieri su questo sito le segnalazioni dei lettori, spesso è proprio sentendo raccontare delle esperienze degli altri che si vengono a conoscere posti meravigliosi e attività che non immaginavamo di poter godere insieme alla nostra famiglia.

Quando poi la segnalazione ci viene da un babbo che poi è anche uno scrittore, beh, la cosa ci inorgogliosisce ancora di più 🙂

Massimiliano di Saba vanta diverse pubblicazioni e, proprio il suo ultimo scritto,“Un insolito grigio”, sarà presentato il 18/03 a Villa Giovannetti alle  ore 15.30 “.

Antiche camelie della Lucchesia

di Massimiliano di Saba

Lo sapevate? Da una pianta di Camelia a volte sboccia un fiore diverso dagli altri.

Io l’ho scoperto per caso, tre anni fa, quando mi sono lasciato convincere da mia moglie Laura ad andare a Sant’Andrea e a Pieve di Compito, nel comune di Capannori, alla mostra sulle antiche camelie della Lucchesia.

Nel mese di marzo, quando questa bellissima pianta fiorisce, è possibile visitare i giardini delle settecentesche ville che ospitano esemplari secolari e persino la prima piantagione da tè nata in Italia (perché il tè si ricava da una particolare specie di camelia).

Ormai per noi è abitudine prendere la navetta, a pagamento, che conduce ai due piccoli borghi (chiusi per l’occasione al traffico) e passeggiare lungo il torrentello che attraversa la piccola valle, poi andare al camelieto dove alcuni volontari spiegano le caratteristiche delle varie specie, salire in cima ad una piccola collina per vedere il panorama e … Tante altre cose da scoprire.

Sentieri nel bosco, strade chiuse al traffico ed esperienze fra i colori delle camelie

Proprio così, scoprire, perché in tutta sicurezza i bambini possono camminare lungo sentieri nel bosco o su strade chiuse al traffico, sentire una esibizione canora nella bellissima chiesa o assistere alla cerimonia tradizionale del tè rappresentata da graziose signore giapponesi in kimono… E tutto ad un’ora da Firenze!

Come si arriva da Firenze

Una meta diversa quindi, da raggiungere prendendo la Firenze-mare, per poi uscire ad Altopascio oppure a Capannori (noi preferiamo la prima perché, se le precipitazioni sono state abbondanti, ci si trova a percorrere un tratto di strada circondata dall’acqua di uno stagno, ciò che rimane dell’antico Lago di Bientina) e seguire per Sant’Andrea e Pieve di Compito.

Si parcheggia vicino ad un frantoio dove oltre all’olio si possono acquistare prodotti tipici tra i quali marmellate, spezie e pasta fatta con grani toscani e via…l’avventura può iniziare.

Buon divertimento!

Per informazioni sulla manifestazione e il programma degli eventi

Il programma degli eventi che animano la manifestazione lo trovate su questo sito:

http://www.camelielucchesia.it/

Il biglietto della sola Mostra Antiche Camelie della Lucchesia costa 7 euro, gratuito per ragazzi sotto i 12 anni e disabili con accompagnatore.

Il programma nel dettaglio, giorno per giorno, con le visite guidate a ville e giardini, proposte di passeggiate guidate, cerimonia del tè a questo link: http://www.camelielucchesia.it/wp-content/uploads/2017/02/Programma-XXVIII-Mostra-delle-Camelie.pdf

 

Leave A Comment